“Insieme a noi” compie 25 anni

Il 29 marzo 1994 nasceva a Modena, con un atto costitutivo e uno Statuto, l’associazione Insieme a noi. Da allora questa piccola ma battagliera organizzazione ha rappresentato, per questa città, un punto di riferimento sempre più importante per affermare la cultura di una salute mentale di comunità, per superare una visione solamente sanitaria delle cure dei disturbi psichiatrici. Dapprima luogo di incontro dei familiari di persone con disagio psichico, con le prime esperienze di auto-aiuto, pian piano l’Associazione ha incominciato a sollecitare le istituzioni chiedendo risposte a domande che riguardavano la costruzione di percorsi di inclusione sociale (inserimenti lavorativi, soluzioni abitative, ecc.). Quando è riuscita ad avere una sede confortevole (l’appartamento di via Albinelli), l’associazione è diventata un luogo di aggregazione attivo e propositivo per familiari e utenti della salute mentale. La sua forza è stata l’aver tenuto insieme l’organizzazione di attività socializzanti per familiari e utenti e l’interlocuzione con i servizi di salute mentale per migliorare i servizi sanitari, perché non riproducessero, nelle nuove istituzioni nate dopo l’abolizione della legge Basaglia, logiche istituzionalizzanti. Questa duplice vocazione, che ha avuto come collante la centralità della dignità delle persone con esperienza di sofferenza psichica e i loro diritti, ha accompagnato l’attività dell’associazione in questi lunghi 25 anni. Negli ultimi anni, in particolare, l’associazione ha sviluppato una cultura progettuale che ha trovato una sponda importante nelle stesse istituzioni con cui i rapporti di collaborazione sono diventati sempre più intensi, attraverso le esperienze di coprogettazione che hanno portato alla stipula di convenzioni per la realizzazione di progetti di inclusione sociale. Un modello che riconosce il ruolo dell’associazione nel percorso di recovery delle persone, centrato sul rafforzamento della soggettività e della fiducia in sé, sul rafforzamento delle competenze relazionali e sulle capacità di progettare e costruire insieme. Nell’ultimo decennio la donazione di una casa a Palagano (dove organizziamo d’estate periodi di soggiorno), e la disponibilità del complesso della Fonte ci hanno consentito di progettare e realizzare una gamma di attività più ampia e articolata.
Questa storia è stata raccontata domenica 14 aprile presso la Fonte dove abbiamo festeggiato i 25 anni di Insieme a noi; è stata l’occasione per incontrare tanti amici (esponenti delle istituzioni, cittadini e cittadine, familiari, utenti della salute mentale) che ci hanno accompagnato e sostenuto in questa vicenda. La presentazione del libro di Cinzia Migani (Memorie di trasformazione – Storie da manicomio) ha consentito di inquadrare la storia della nostra associazione nella cornice più ampia del passaggio dal manicomio ai servizi territoriali.