Serata hip hop alla Fonte

Sabato 14 aprile abbiamo presentato alla Fonte le prime produzioni di musica hip – hop di un laboratorio attivato alcuni mesi fa. Questo è nato e si è sviluppato all’interno del progetto del Centro per le famiglie; si è partiti dall’individuazione dell’interesse dei giovani per un particolare genere di musica molto coinvolgente, ritmata, che non richiede grandi competenze musicali, che da molto spazio alle parole, al testo, ai contenuti che si vogliono esprimere. Nata in America negli anni 70 del secolo scorso, la musica Hip Hop – rap si è diffusa anche in Europa. Nonostante sia diventato negli ultimi decenni anche un fenomeno commerciale, con famosi rapper che hanno venduto numeri importanti di dischi, ne sopravvivono i filoni classici, che trattano temi legati alla vita quotidiana, alla denuncia delle ingiustizie sociali, esprimemdo spesso uno spirito di ribellione proprio di chi non si rassegna a vivere in un mondo che crea emarginazione sociale e spersonalizzazione. Attraverso la denuncia si scorge la ricerca di rapporti umani autentici e di solidarietà tra le persone.
Anche i testi dei nostri rapper, redatti da ciascun componente del gruppo durante il laboratorio, sono carichi di questa tensione di denuncia e di proposta di nuovi valori di forte rilevanza sociale: uno dei temi ricorrenti di questi testi è che nessuno si può salvare da solo.
Elemento di qualità di questa esperienza è la partecipazione al laboratorio di alcuni rapper di Modena che si sono mescolati al gruppo di giovani soci della nostra associazione condividendo un pecorso comune e contribuendo a costruire un clima di collaborazione e di fiducia in se stessi. Ancora una volta sperimentiamo che la salute mentale si promuove creando percorsi di inclusione e di contaminazione in cui si abbatte lo stigma, si sviluppano compentenze relazionali, ci si apre al territorio, si creano contesti in cui tutti possano esprimersi.
La performance della serata è stato un evento emozionante e molto partecipato.
Il laboratorio continua e altri eventi sono stati preannunciati prima dell’estaste.
G.

La Fonte si apre alla lirica

Presso “La fonte”, di cui avevamo colto anni fa quante potenzialità avesse, continuiamo a    sperimentare forme di aggregazioni attorno a proposte culturali che la aprono al territorio modenese.

L’ultimo evento si è svolto domenica 5 novembre: abbiamo ospitato un “Concerto di arie d’opera” dedicato a Maria Callas nel quarantennale della sua scomparsa, con brani di Bellini, Verdi, Rossini e Donizetti.

Una nostra socia, che è anche componente del gruppo canoro, così ha presentato la serata:

“Dedichiamo questo concerto a coloro che cercano la gioia. Abbiamo considerato la gioia come un albero. Un albero è composto da tante parti ed ha un tronco in cui ci sono le vene e la linfa scorre in queste vene. Le vene sono strette, la linfa scorrendo fa attrito e porta calore a tutto l’albero. Qui, in questa sala,siamo circondati da tanti alberi e palme che ricoprono i muri: sono stati prodotti nostri laboratori che teniamo quotidianamente in questo luogo e rappresentano la tensione verso la gioia. Buona gioia a tutti noi”.